17th November 2012

Oltre le colline

(Cristian Mungiu – Romania 2012) 

Con Oltre le colline, Mungiu e’ tornato a Cannes, cinque anni dopo la Palma d’Oro del 2007 a 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni, per vincere il premio per miglior sceneggiatura e migliori attrici protagoniste.

I due film, lontani per tema ed ambientazione, sono vicini nell’attenzione che il regista dedica a giovani donne schiacciate dal potere delle ideologie e degli apparati.

Nel 2007, si trattava di due ragazze spaventate e costrette a piegarsi alle pratiche di un aborto clandestino nella Bucarest degli ultimi anni del regime. Nel film di quest’anno, basato su un romanzo ispirato ad un recente fatto di cronaca, si tratta di una giovane sbandata che va schiantarsi contro il muro del fanatismo religioso.

Alina torna dalla Germania, dove e’ emigrata per lavoro, per ricongiungersi con Voichita, antica compagna di orfanotrofio con cui ha vissuto un amore salvifico nell'adolescenza. Voichita la accoglie nel convento ortodosso che la ospita da quando si e’ fatta suora, un convento privo di elettricita’ e strumenti tecnologici, immerso in un angolo remoto della Moldavia rumena piu’ disperata e rurale, in cui le consorelle vivono in poverta’ medievale sotto la guida di un giovane pope carismatico.

Dapprima Alina vorrebbe portare Voichita in Germania, ma, vista l’opposizione della giovane suora, pur di restare con lei si impone di intraprendere a sua volta la vita monacale. Ma sprofondera’ sempre piu’ in una spirale di delirio e aggressivita’ che la portera’ ad essere tenuta a lungo legata e segregata per venire sottoposta ad una sorta di esorcismo liberatorio dagli esiti imprevisti.

Il film, per quanto si prestasse molto in tal senso, non presenta traccia di morbosita’. Anzi, l’approccio del regista (nonche’ soggettista e co-sceneggiatore) e’ molto asciutto. Pur essendo chiara la posizione critica di Mungiu, la comunita’ religiosa viene rappresentata con un certo equilibrio, animata da una reale buona fede e fiducia in Dio. Le giovani suore, pur dominate dal carisma del pope, sembrano incapaci di vera crudelta’. Anche rispetto alla “intrusa” Alina, fondamentalmente sprezzante verso la fede, dopo una prima fase di ostilita’dettata dalla paura, le donne sembrano provare compassione per il suo travaglio interiore, che scambiano per possessione demoniaca e si impegnano a contrastare con ottusita’ fanatica ma in reale spirito di soccorso. La stessa Voichita sembra aver davvero trovato la pace interiore nella fede.

Anche il modo di filmare lascia trasparire solo obliquamente la posizione del regista. Infatti, i silenziosi campi totali ritraggono la vita della comunita’ religiosa nello spirito idilliaco dei dipinti medievali che celebrano la laboriosita’ di conventi, campi e citta’. E‘ quando le sequenze si trasferiscono negli interni privati e comuni della struttura che la telecamera si incolla angosciosamente ai personaggi con inquadrature di spalle, parziali e insistite che generano una sensazione di inquietudine e di soffocamento.

Insomma, se in primo piano c’e’ il fanatismo della religione ortodossa (che rappresenta ogni tipo di religioni, ma anche di ideologie), l’autore/regista sembra pero’ volerci ricordare che le distorsioni si alimentano pure con le paure di chi sceglie, in onesta’, di piegarsi e si scava una nicchia protettiva che diventa un muro che non si vuole piu’ scavalcare.

E il titolo del film evoca proprio quell’orizzonte visibile, ma che nessuno osa oltrepassare per paura di quel mondo sconosciuto che e’ la vita.

Luca Zoppi

 

Share

OLDER POSTS:

Author Date Subject
Luca Zoppi 9/3/2015 Gemma Bovery [>>]
Luca Zoppi 2/11/2014 Anime Nere [>>]
Luca Zoppi 23/02/2014 Nebraska [>>]
Luca Zoppi 03/06/2013 La Grande bellezza [>>]
Luca Zoppi 07/04/2013 La scelta di Barbara [>>]
Luca Zoppi 24/02/2013 Qualcosa nell’aria / Apres mai[>>]
Luca Zoppi 16/01/2013 Love is all you need [>>]
Luca Zoppi 17/11/2012 Oltre le colline [>>]
Luca Zoppi 18/10/2012 Detachment [>>]
Luca Zoppi 08/10/2012 The Polish Week [>>]
Luca Zoppi 27/06/2012 Cosmopolis [>>]
Luca Zoppi 17/05/2012 Diaz [>>]
Luca Zoppi 29/02/2012 La talpa [>>]
Luca Zoppi 21/3/2012 Magnifica presenza [>>]
Luca Zoppi 6/4/2012 Romanzo di una strage [>>]