3rd June 2013

La Grande bellezza

(Paolo Sorrentino – Italia 2013) 

Non c’e’ dubbio che la prospettiva del film debba molto a La dolce vita felliniana, ma ne La grande bellezza i punti di riferimento e le citazioni sono molteplici. Ci sono Mamma Roma di Pasolini, Il ventre dell’architetto di Greenaway, addirittura l’epocale sceneggiato TV Il segno del comando. Per non parlare poi delle ispirazioni letterarie di d’Annunzio, Proust, Celine, ma anche, meno esplicitamente, di Joyce e Montale. O del teatro piu’ sperimentale della scena romana anni ’70-’80 e dell’arte totale a cavallo di secondo e terzo millennio.

Eh si, perche’ Paolo Sorrentino vuol creare un monumento post-moderno in cui centrifugare decenni di arte e cultura per poi astrarsi su un piano a-temporale e misticheggiante da cui guardare alla piccolezza della vita degli uomini.

E cosi’, il protagonista Jep Gambardella, giornalista sessantacinquenne arrivato a Roma dalla Campania quarant’anni fa per impadronirsi dell’archetipo della bellezza, autore di un unico e antico romanzo che fece scalpore, deluso da cio’ che lo circonda, ma soprattutto da se stesso, si ritrova smarrito e indeciso tra due dimensioni: quella della mondanita’ inesausta del jet set mediatico-culturale e quella intermittente e inattinta delle “verita’” piu’ profonde.

E cosi’, Jep, attraversando una Roma che assomiglia sempre ad una installazione artistica, tra movimenti di macchina sghembi e innaturali, si muove instancabile tra feste notturne orgiastiche e apocalittiche, accese da alcool e droga, e sterili discussioni intellettualoidi su ariose terrazze. Ma gli basta allontanarsi un metro da tutto questo per imbattersi in squarci in quel mondo di plastica che si aprono a sguardi sulla possibilita’ di una vita diversa, fatta di intimita’, di sentimenti profondi, di spiritualita’. Queste epifanie di un’altra vita, tentazioni di purezza per chi vive immerso in un mondo di edonismo e corruzione, si manifestano nell’innocenza di un bambino, nel dolore di una perdita improvvisa, nella bellezza di un’opera d’arte, nella visione notturna della Roma archeologica.

E qui sta il succo di tutta l’opera, che e’ un affresco epico e disperato della lacerazione di un dandy dannunziano del ventunesimo secolo tra un’aspirazione alla verita’ persa per strada e il rifugiarsi nella grande bugia decadente dell’apparenza e dell’apparire a cui si e’ consegnato.

Non c’e’ uno sviluppo progressivo dell’intreccio, non c’e’ un procedere narrativo, ma il dispiegarsi agli occhi dello spettatore di uno stato d’animo anestetizzato dal trionfo della vacuita’ per non confrontarsi col dolore della ricerca dell’io piu’ profondo. Per questo, il film procede per immagini di una bellezza straniata che si srotolano una dopo l’altra, realizzando l’ideale di cinema per inquadrature del regista in crisi de Lo stato delle cose di Wim Wenders. Il gioco e’ dichiarato nel suo artificio, eppure lo spettatore viene inevitabilmente risucchiato nei vortici estetici ed emotivi creati da un miracolo di equilibrio tra regia, fotografia e scenografia.

E’ forse facile ironizzare sui film di Sorrentino, tanto estremo nel suo stile magniloquente e ieratico. Ma, oggi, e’ l’unico regista italiano che, col suo cinema, sappia decollare piano piano, volarti intorno, salire in alto e restarci, per poi scendere in picchiata improvvisamente e conficcartisi nella testa e nel cuore…

Luca Zoppi

 

Share

OLDER POSTS:

Author Date Subject
Luca Zoppi 9/3/2015 Gemma Bovery [>>]
Luca Zoppi 2/11/2014 Anime Nere [>>]
Luca Zoppi 23/02/2014 Nebraska [>>]
Luca Zoppi 03/06/2013 La Grande bellezza [>>]
Luca Zoppi 07/04/2013 La scelta di Barbara [>>]
Luca Zoppi 24/02/2013 Qualcosa nell’aria / Apres mai[>>]
Luca Zoppi 16/01/2013 Love is all you need [>>]
Luca Zoppi 17/11/2012 Oltre le colline [>>]
Luca Zoppi 18/10/2012 Detachment [>>]
Luca Zoppi 08/10/2012 The Polish Week [>>]
Luca Zoppi 27/06/2012 Cosmopolis [>>]
Luca Zoppi 17/05/2012 Diaz [>>]
Luca Zoppi 29/02/2012 La talpa [>>]
Luca Zoppi 21/3/2012 Magnifica presenza [>>]
Luca Zoppi 6/4/2012 Romanzo di una strage [>>]